Ricetta Cous Cous


Per preparare il cous cous per quattro persone occorre utilizzare trecento grammi di acqua, quattro cucchiai di olio extra-vergine di oliva, duecento grammi di cous cous, due noci di burro, una carota, qualche foglia di basilico, uno spicchio di aglio, un cipollotto grande, due zucchine, sale quanto basta, otto pomodori ciliegini, una melanzana, un peperoncino piccante, e dell’harissa. Iniziamo lavando e tagliando a piccoli pezzi la melanzana, che dovrà essere salata e posizionata in una scolapasta per una ventina di minuti, in maniera tale che possa perdere l’acqua in eccesso. Nel frattempo portiamo a ebollizione, in una pentola capiente e larga, dell’acqua salata; quindi aggiungiamo a pioggia il cous cous, insieme con due cucchiai di olio. Dopo aver mescolato con cura gli ingredienti, spegniamo il fuoco e con un cucchiaio livelliamo il composto, lasciandolo riposare per due o tre minuti così che l’acqua venga assorbita dalla semola. Trascorso questo lasso di tempo, vi uniamo il burro e lasciamo cuocere per un altro paio di minuti. Quindi, una volta spento il fuoco, sgraniamo il cous cous aiutandoci con una forchetta. Ora è il momento di dedicarci alla verdura: tagliamo a cubetti i pomodorini, la carota e la zucchina precedentemente lavati. tritiamo l’aglio e il peperoncino, e li mettiamo in una padella a rosolare con l’olio rimanente e il cipollotto, a sua volta tritato.

Dopo pochi minuti, possiamo aggiungere le melanzane sgocciolate, le zucchine e le carote. Le verdure devono essere stufate a fiamma lenta per cinque minuti circa, fino a quando iniziano a sfaldarsi: prima che diventino totalmente sfatte, spegniamo il fuoco e saliamo. A questo punto non rimane che unire i pomodorini, e versare le verdure in un contenitore nel quale aggiungeremo il cous cous insieme con poche foglie di basilico. Come si può notare, la ricetta del cous cous è piuttosto semplice da portare a termine. Un’alternativa altrettanto gustosa prevede di stufare le verdure insieme con del brodo; quindi, cuocere il cous cous e collocarlo in mezzo al piatto in maniera da costituire una sorta di piccola montagna, ai cui bordi verranno impiattate le verdure cotte immerse nel brodo.

Vale la pena di sottolineare che il cous cous di verdure può essere preparato anche con peperoni gialli o rossi tagliati a fettine sottili, da lasciar stufare insieme con il resto delle verdure, o con ceci lessati (i ceci sono legami molto usati nella tradizione culinaria araba). Inoltre, la semola impiegata per cucinare il cous cous può, volendo, essere aromatizzata con dello zafferano o del curry da aggiungere in fase di cottura: oltre a un eccellente profumo, il piatto guadagnerà un colore giallo intenso.

Piatto tipico della tradizione mediterranea e nord-africana, il cous cous viene cucinato utilizzando semola di grano duro che viene ridotta in finissimi grani, insieme con verdure stufate. La tradizione, per altro, impone di accompagnare la pietanza con l’harissa, una salsa piccante, dall’evidente coloro rosso, preparata con una base di peperoncino particolarmente diffusa in Tunisia. Il vantaggio del cous cous è che può essere preparato anche in anticipo, ed essere consumato freddo o tiepido con lo stesso gusto.